Home / Promozioni dvd e videogiochi / Avatar: il film cambierà la storia del cinema?

Avatar: il film cambierà la storia del cinema?

Avatar: il film cambierà la storia del cinema?Avatar: il film cambierà la storia del cinema?

L’operatore romano del film più atteso racconta: «Così ho girato il capolavoro in 3D di Cameron»

C’è un occhio italiano dietro le immagini di Avatar, il kolossal in 3D che vedremo da venerdì, senza alcun divieto nelle sale.

A manovrare la macchina da presa, sotto la regia di James Cameron, era Roberto DeAngelis, 40 anni, romano, tre figli, «una moglie paziente» e più di 30 film comeoperatore, da Nemico Pubblico a Il caimano. «L’avventura più insolita e affascinante della mia carriera», racconta.

E vero che è stato chiamato in corsa?

«Mi ha contattato un altro italiano, Mauro Fiore, direttore della fotografia, per sostituire un collega che ha avuto un problema. Mi è sempre piaciuto lavorare all’estero: la visione è più ampia e la sensibilità italiana è apprezzata».

Com’era il pianeta-Avatar dietro le quinte?

«Ho passato 5 mesi sul set in Nuova Zelanda, che impegnava più di 400 persone per 16 ore al giorno. La tecnologia 3D richiede verifiche continue: c’era un camion con una sala di proiezione in cui indossavamo gli occhiali per controllare ogni inquadratura. Con gli attori c’era un clima famigliare: Sam Worthington veniva a giocare a calcio la domenica, quando sfidavamo la troupe di un altro film».

Perché è considerato un film rivoluzionario?

«I volti degli avatar replicano in modo straordinario quelli umani e per la prima volta si è girato un film in cui regista e operatore, durante le riprese, vedevano già nel monitor gli effetti speciali, i corpi creati dal computer accanto a quelli in carne e ossa, non aggiunti dopo. Con tecnologie simili si potrà far tutto, ma tutto è da esplorare».

Chi è Cameron?

«Un ingegnere del cinema, duro emeticoloso. Con gli attori prova molto, prima di girare ».

Li vorrebbe tutti digitali?

«Gli attori esisteranno sempre: è su di loro che sono modellati i corpi digitali».

Avatar cambierà la storia del cinema?

«È un’esperienza diversa: la parte che mi ha interessato di più è la prima, quando in scena ci sono insieme attori veri e digitali. Ma è un film epico. Per ogni età».

Voto
Ti è piaciuto l'articolo?
[Media: 0]

Un commento

  1. Ma……Ho i miei dubbi che non cambierà o non rivoluzionerà la storia, ad esempio alcuni attori del film hanno avuto la parte solo in digitale, per esempio (Zoe) che tra l’altro è una delle principali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa il codice di controllo: *