Home / Promozioni Banche investimenti e finanze / Titoli di stato: investire in bot e btp

Titoli di stato: investire in bot e btp

Titoli di stato: investire in bot e btp

Che cosa sono i titoli di Stato, quante varianti ne esistono, come funzionano? Con i titoli di Stato i governi si fanno finanziare dai cittadini e dai mercati e provvedono, come si dice, al servizio del debito pubblico.

In parole povere pagano gli interessi sui debiti storici contratti e sui deficit di bilancio.

Un tema quanto mai d’attualità.

Esistono: Bot (titoli senza cedola);

Ctz (senza cedola e interessi alla scadenza, durata fissa di due anni); Btp (con cedola fissa semestrale e durata da 3 a 30 anni).

Poi ci sono i Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’inflazione europea: durata di 5 e 10 anni, nei quali sia il capitale rimborsato a scadenza, sia le cedole semestrali sono rivalutate in base all’andamento dell’inflazione europea, calcolata ogni mese da Eurostat.

Questi titoli offrono una protezione contro l’aumento dei prezzi in Europa. Esistono anche i Certificati di Credito del Tesoro (Cct): titoli della durata di 7 anni e cedole variabili semestrali, legate al rendimento dei Bot a 6 mesi più una maggiorazione. Dall’estate 2010 il Tesoro ha cominciato ad emettere una nuova classe di titoli a cedola variabile, i CctEu, collegati al tasso Euribor invece che al tasso dei bot a 6 mesi. Infine ci sono i Boc, Bop e Bor (Buoni ordinari comunali, provinciali e regionali) titoli pubblici per ora destinati solo alle grandi istituzioni finanziarie.

Ecco come vengono catalogate queste obbligazioni di Stato:

– Obbligazioni senza cedola o Zero coupon: invece di pagare una cedola periodica, danno un rendimento calcolato come la differenza tra il prezzo di acquisto del titolo e il prezzo di rimborso dello stesso. I più famosi sono Bot e Ctz.

– Obbligazioni a tasso fisso: pagano una cedola fissa per tutta la durata del titolo e, alla scadenza, rimborsano alla pari il capitale. L’esempio più noto sono i Btp.

– Obbligazioni a tasso variabile: pagano cedole variabili che risentono dei parametri indicati dall’emittente, esempio i Cct Eu. Ricordate il mio consiglio? Investite solo e sempre in quello che capite davvero. Anche quando si tratta di titoli di Stato.

Voto
Ti è piaciuto l'articolo?
[Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa il codice di controllo: *